di Gianluca Zappa

  • Anno 534. Benedetto da Norcia scrive la regola per i suoi frati. Al cap. II, dando indicazioni all’abate, intima: “A chi è venuto nel monastero dalla condizione servile non sia anteposto chi è nato libero”. 
    Nel monastero benedettino un ex schiavo ha gli stessi diritti del figlio di un nobile.
    Perché “siamo tutti uguali in Cristo”.
    È il principio della democrazia. Una cosa dell’altro mondo, inconcepibile nella polis greca e nella res publica romana! Nei monasteri benedettini si sono gettate le basi di una vera repubblica.
    Roba da Medioevo! 
Please follow and like us:
error

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi